Un urlo per la pace

 

Sala gremita e applausi entusiasti e non di circostanza: con queste due espressioni si potrebbe riassumere il successo della diciottesima edizione del Premio Nazionale “Renato B. Fabrizi”. Un’edizione ricca di contenuti e di volontà di elevare la discussione politica dalle solite beghe quotidiane, un messaggio di speranza a chi ha voglia di avvicinarsi ed essere protagonista di quel mondo. Proprio il ruolo della politica è stato al centro di tutti gli interventi degli emeriti di questa edizione dove, con particolare riferimento ai conflitti in concorso nel mondo e soprattutto in Ucraina, si è evidenziata la necessità che il sostegno al conflitto con l’invio di armi ceda il passo alla diplomazia e al dialogo: il precipitare verso una guerra nucleare e generalizzata deve spingere ancora di più i governi a riprendere in mano l’opzione del confronto e delle trattative, ridando centralità quindi alla politica. La partigiana del CLN Liguria, croce di guerra, Mirella Alloisio ha ribadito di essere entrata nella Resistenza perché non ne poteva più della guerra. Ebbene sì, i partigiani combatterono anche perché le generazioni successive non conoscessero più le atrocità dei conflitti armati; libertà e pace furono due delle loro parole d’ordine. La pace è possibile costruirla, gli ha fatto eco il Direttore di Avvenire, Marco Tarquinio, aprendo gli occhi e non accettando che qualcuno li faccia aprire a comando solo quando si decide che c’è una guerra che deve essere vista, ricordando anche che il conflitto russo-ucraino è iniziato nel 2014 e che i primi a non credere alla pace sono proprio quei paesi che vantano un’avanzata industria delle armi. La guerra, ha ammonito, va riconosciuta come una tragica manifestazione di un gioco di potenza e allora occorre agire civilmente e politicamente per sovvertire questa logica analizzando la realtà nel suo complesso e qui centrale deve tornare ad essere anche l’informazione e i mezzi di comunicazione.  

L’onorevole Rosy Bindi, purtroppo intervenuta solo in video, ha invece ammonito il nuovo governo a non perseguire la strada delle modifiche dell’assetto istituzionale in senso presidenziale e di autonomia differenziata, un grave rischio di spaccatura - ha fatto notare - che accentuerà il divario tra le aeree più ricche del Paese e quelle più povere, ma la rassicurazione che anche questa volta, come già in passato, il popolo italiano sarà in grado di respingere ogni tentativo di stravolgimento, grazie alla capacità che dovremo avere di tenere viva la Costituzione facendola conoscere. Il neo deputato Aboubakar Soumahoro, già sindacalista dell’USB e voce dei braccianti, ha spiegato il significato del suo gesto di indossare gli stivali sporchi di fango alla prima seduta della Camera: il simbolo di chi è rilegato nei bassi fondi della società, di chi vive nella precarietà, la fame, persino gli stivali dei giovani che vivono in un costante contesto di crisi valoriale e sociale, dei morti sul lavoro, di chi lotta contro la mafia o per una corretta informazione: ecco allora che la politica deve tornare a trasformare la disperazione in speranza anziché cavalcare il malcontento per meri fini elettorali, deve ritornare a ridare dignità al lavoro e, come sancito dalla Carta Costituzionale, rimuovere quegli ostacoli che impediscono la piena realizzazione della persona umana. Pace e Costituzione ancora una volta sono quindi stati al centro del dibattito e dell’azione dell’ANPI. Un grazie infine a quanti collaborano alla realizzazione del Premio, a chi lo supporto e a chi lo segue: al Comitato Nazionale, a quello provinciale, all’Amministrazione Comunale, alla magistrale conduttrice Cinzia Castignani, alle autorità intervenute a partire dalla Vice Prefetto, dott.ssa Iodice, e agli straordinari emeriti che hanno dimostrato, se mai ne ce fosse bisogno, che i valori che l’ANPI difende sono quanto mai attuali e necessari.Sala gremita e applausi entusiasti e non di circostanza: con queste due espressioni si potrebbe riassumere il successo della diciottesima edizione del Premio Nazionale “Renato B. Fabrizi”. Un’edizione ricca di contenuti e di volontà di elevare la discussione politica dalle solite beghe quotidiane, un messaggio di speranza a chi ha voglia di avvicinarsi ed essere protagonista di quel mondo. Proprio il ruolo della politica è stato al centro di tutti gli interventi degli emeriti di questa edizione dove, con particolare riferimento ai conflitti in concorso nel mondo e soprattutto in Ucraina, si è evidenziata la necessità che il sostegno al conflitto con l’invio di armi ceda il passo alla diplomazia e al dialogo: il precipitare verso una guerra nucleare e generalizzata deve spingere ancora di più i governi a riprendere in mano l’opzione del confronto e delle trattative, ridando centralità quindi alla politica. La partigiana del CLN Liguria, croce di guerra, Mirella Alloisio ha ribadito di essere entrata nella Resistenza perché non ne poteva più della guerra. Ebbene sì, i partigiani combatterono anche perché le generazioni successive non conoscessero più le atrocità dei conflitti armati; libertà e pace furono due delle loro parole d’ordine. La pace è possibile costruirla, gli ha fatto eco il Direttore di Avvenire, Marco Tarquinio, aprendo gli occhi e non accettando che qualcuno li faccia aprire a comando solo quando si decide che c’è una guerra che deve essere vista, ricordando anche che il conflitto russo-ucraino è iniziato nel 2014 e che i primi a non credere alla pace sono proprio quei paesi che vantano un’avanzata industria delle armi. La guerra, ha ammonito, va riconosciuta come una tragica manifestazione di un gioco di potenza e allora occorre agire civilmente e politicamente per sovvertire questa logica analizzando la realtà nel suo complesso e qui centrale deve tornare ad essere anche l’informazione e i mezzi di comunicazione.  

L’onorevole Rosy Bindi, purtroppo intervenuta solo in video, ha invece ammonito il nuovo governo a non perseguire la strada delle modifiche dell’assetto istituzionale in senso presidenziale e di autonomia differenziata, un grave rischio di spaccatura - ha fatto notare - che accentuerà il divario tra le aeree più ricche del Paese e quelle più povere, ma la rassicurazione che anche questa volta, come già in passato, il popolo italiano sarà in grado di respingere ogni tentativo di stravolgimento, grazie alla capacità che dovremo avere di tenere viva la Costituzione facendola conoscere. Il neo deputato Aboubakar Soumahoro, già sindacalista dell’USB e voce dei braccianti, ha spiegato il significato del suo gesto di indossare gli stivali sporchi di fango alla prima seduta della Camera: il simbolo di chi è rilegato nei bassi fondi della società, di chi vive nella precarietà, la fame, persino gli stivali dei giovani che vivono in un costante contesto di crisi valoriale e sociale, dei morti sul lavoro, di chi lotta contro la mafia o per una corretta informazione: ecco allora che la politica deve tornare a trasformare la disperazione in speranza anziché cavalcare il malcontento per meri fini elettorali, deve ritornare a ridare dignità al lavoro e, come sancito dalla Carta Costituzionale, rimuovere quegli ostacoli che impediscono la piena realizzazione della persona umana. Pace e Costituzione ancora una volta sono quindi stati al centro del dibattito e dell’azione dell’ANPI. Un grazie infine a quanti collaborano alla realizzazione del Premio, a chi lo supporto e a chi lo segue: al Comitato Nazionale, a quello provinciale, all’Amministrazione Comunale, alla magistrale conduttrice Cinzia Castignani, alle autorità intervenute a partire dalla Vice Prefetto, dott.ssa Iodice, e agli straordinari emeriti che hanno dimostrato, se mai ne ce fosse bisogno, che i valori che l’ANPI difende sono quanto mai attuali e necessari.


Commemorazione del Presidente ANPI Osimo in occasione del 25 aprile 2022

Autorità civili, militari, care osimane e cari osimani,

BENTORNATI!

Finalmente dopo due anni siamo di nuovo qui a celebrare assieme la Festa della Liberazione: nelle ultime due cerimonie la pandemia ci ha costretto a esigue o pressoché nulle rappresentanze con i soli interventi del sindaco e miei pronunciati ad una piazza vuota. Ritroviamo oggi il senso più profondo di questa giornata, il 25 aprile, che vive della partecipazione popolare, è la grande festa del popolo che celebra la riconquista della sua dignità e libertà. E’ quindi la vostra, la nostra festa. Protagonisti indiscussi di quel 25 aprile ‘45 furono i cittadini che dopo 20 anni di dittatura fascista poterono riprendersi la loro vita, i loro spazi, il loro Paese. Le ferite lasciate dal fascismo, dalle guerre, dai caduti non furono e non sono però dimenticate, ma sono il monito contro i soprusi di ieri, di oggi e di domani.

Quella data simbolo del 25 aprile rappresentò il culmine di 20 anni di violenza, di lutti, di perdita dei diritti, ma anche di lotte, spesso da parte di voci isolate, “pochissimi inevitabili bastardi” li definì lo storico Matteo Petracci in un suo saggio, esempi di chi non si rassegnò mai ad uno stato dittatoriale, ad un governo e ad un partito che fecero della sopraffazione e della prepotenza la loro bandiera ideologica e la propria azione politica. Violenza che si ripercosse contro altri italiani, oppositori politici, persone con disabilità, con orientamenti sessuali differenti, contro gli altri popoli: e poi l’apice con le guerre per la conquista delle colonie africane prima e l’aggressione a Francia, Jugoslavia, Grecia e Russia poi. Arrivò finalmente il momento della scelta, quella che compirono migliaia di partigiani e partigiane, ma anche di contadini e cittadini che fiancheggiarono la Resistenza con quel poco che il fascismo non gli aveva portato via: la generosità. 

Le guerre sono sempre scatenate dal nazionalismo perché questa ideologia ha intrinseca l’idea della superiorità e sopraffazione di una nazione sull’altra. «La forza più potente al mondo non è il nucleare, Internet, Dio o il mercato dei bond. E’ il nazionalismo», ha scritto Walt, un politologo statunitense. Questo perché in nome del nazionalismo identitario è stato possibile dichiarare guerre, espandere i propri territori oltre i confini, erigere muri per contrastare la globalizzazione e le ondate migratorie. «Chi non ha principi morali si avvolge, di solito, in una bandiera» disse semplicemente Umberto Eco. Il patriottismo, cosa ben diversa, è l’esaltazione della patria intesa come libera repubblica dei cittadini che hanno pari dignità sociale, uguali diritti e doveri e si occupa del bene comune e della giustizia sociale, nel pieno rispetto di tutti i popoli; una Patria che si concretizza nella Costituzione si potrebbe aggiungere. Tutti sentimenti questi espressi dai nostri Grandi Padri: da Mazzini, a Garibaldi fino ai partigiani e ai costituenti. E non è quindi casuale il riferimento alla Resistenza italiana come emblema di unità e fratellanza, come esempio limpido di come i popoli possano unirsi in nome della libertà, della democrazia e dei diritti. Basti pensare al carattere internazionale della Lotta di Liberazione nelle Marche, un fronte composito per provenienza geografica, religiosa e politica che si unì con l’unico obiettivo di combattere i fascismi che stavano inquinando l’intero continente: una condivisione d’intenti alimentata anche da visioni comuni circa il futuro dell’Europa, soprattutto per ciò che non avrebbe dovuto più essere.

Ci ha ricordato qualche sera fa durante un’intervista rilasciata a Laura Gnocchi e Gad Lerner per il memoriale “Noi partigiani” la combattente del CLN Liguria Mirella Alloisio: «sono entrata nella Resistenza perché non ne potevo più della guerra». Ebbene sì, i partigiani combatterono anche perché le generazioni successive non conoscessero più le atrocità dei conflitti armati. Libertà e pace furono due delle loro parole d’ordine: e infatti il loro testamento, la Costituzione, sancisce che “l’Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali”; non è un caso che ci fu ampia discussione sulla scelta di quel verbo durante i lavori della Costituente, ma fu preferito ad altri proprio perché esprime un rifiuto inequivocabile, categorico. La Costituzione tuttavia non cammina da sola ma ha bisogno delle nostre gambe: e i passi che dovremo seguire sono quelli che portano alla solidarietà, alla pace, alla giustizia sociale, alla democrazia. «L’Italia, a mio avviso, deve essere nel mondo portatrice di pace: si svuotino gli arsenali, sorgente di morte, si colmino i granai di vita per milioni di creature umane che lottano per la fame. Il nostro popolo generoso si è sempre sentito fratello a tutti i popoli della Terra. Questa è la strada, la strada della pace che noi dobbiamo seguire» fu l’auspicio in piena Guerra Fredda del Presidente Sandro Pertini, un partigiano vero, come direbbe qualcuno.

C’è un episodio che vorrei ricordare a proposito di quegli anni in cui il mondo fu diviso scientificamente in due blocchi: la crisi missilistica di Cuba del 1962, un vicenda che avrebbe potuto sconvolgere indelebilmente l’esistenza umana con l’innesco di una nuova guerra mondiale e l’incombenza di armi nucleari, un fatto che per certi versi ricorda molto l’oggi. Nel ’62 però le armi tacquero grazie alla diplomazia, al dialogo, alla visione politica ma soprattutto perché i protagonisti di allora, una generazione cresciuta sotto le bombe, si dimostrarono giganti rispetto alle comparse odierne, irrimediabilmente compromesse dalla convinzione che è più semplice un tweet che spiegare e leggera la realtà nella sua complessità.

Ma allora mi domando: è possibile pensare la pace sotto le bombe? Possiamo ragionare sul futuro del nostro Continente o dobbiamo rassegnarci alla guerra perpetua come alcuni già fanno? Mi vengono in mente tre confinati e antifascisti Spinelli, Colorni e Rossi e alla loro caratura politica e morale e alla loro lungimirante visione, in uno scenario di conflitto mondiale, di un’entità politica in grado di garantire la pace in futuro. Un ruolo che evidentemente l’Unione Europea, figlia di quel progetto politico, ha rinunciato a rappresentare in questi giorni.

 

La politica è infatti decisione, è visione, è progettualità, sono i valori morali, è coerenza: oggi tutto questo è sacrificato sull’altare del consenso e dei like. La politica ha abdicato al suo ruolo egemone e sempre più si affida a personalità estranee: ed è evidente che anche i c.d. tecnici poi devono assumersi la responsabilità delle decisioni, devono offrire una soluzione che ha, e sempre avrà, un connotato politico di sinistra o di destra. La Costituzione, quell’insieme di principi che ci permettono di definirci comunità nazionale e che va difesa costantemente, diventa così merce di scambio, consenso elettorale e i politici non perdono occasione per distorcerla a seconda delle loro finalità, persino per farci credere che la guerra è cosa buona e giusta.

Lo voglio sottolineare senza ambiguità: la nostra associazione condanna fermamente e senza esitazione l’invasione dell’Ucraina da parte della Federazione Russa, siamo senza sé e senza ma solidali verso quella popolazione, così come il nostro sostegno non è mai venuto meno verso tutte quelle popolazioni vittime di guerra: curdi, palestinesi, yemeniti, siriani, sudanesi, solo per citare alcuni dei 37 conflitti che oggi distruggono il mondo. E permettetemi di aggiungere anche le vittime della strage alla Casa del Sindacato di Odessa del 2014 i cui responsabili si autodefinirono dichiaratamente neonazisti: nel 2014, così come nello scorso ottobre a Roma, da parte di un gruppo capeggiato da Forza Nuova, ad essere colpiti sono le sedi di rappresentanza dei lavoratori e questi episodi rappresentano un vero attacco alla democrazia. 

L’ANPI e il suo Presidente Pagliarulo in queste ultime settimane sono stati oggetto di un maldestro tentativo di delegittimazione per aver espresso una posizione che è stata definita da alcuni giornali ambigua, “neneista” o addirittura filoputiniana: non ci stupisce tutto ciò perché questo è solo l’ennesimo episodio che tenta di offuscare il vero significato del 25 aprile e di minare l’unità antifascista. Attaccare l’ANPI nasconde il maldestro tentativo di delegittimare chi è riferimento e baluardo della Costituzione e della democrazia italiana. E’ il tentativo di nascondere la memoria per costruirne una su misura non dei cittadini ma di pochi.

A fronte dei doverosi aiuti agli ucraini, di cui anche la nostra città si è resa meritatamente protagonista, la nostra associazione ha però posto una questione politica ai partiti: esiste una linea di confine da non oltrepassare oltre cui si corre il rischio di una conflagrazione? L’invio di armamenti quantomeno si avvicina molto a quel confine perché se le sanzioni parlano il linguaggio dell’economia, le armi parlano solo il linguaggio della guerra e questo porta ad un coinvolgimento diretto del nostro Paese: ed è palese che poi non dovranno esserci pretesti per non prendersi la responsabilità di imbracciare un fucile, noi e i nostri figli. E ciò assieme all’aumento del budget per le spese militari, che ricordiamo va sempre a discapito dei fondi per istruzione, sanità, politiche sociali, è per noi inaccettabile.

Se l’invio di armamenti è la risposta della pancia, occorre che la testa ci dica che la politica e la diplomazia devono tornare ad essere protagoniste, con un ruolo perno dell’Unione Europea che apra un’altra strada: una trattativa seria e una proposta nuova di prospettiva, proprio come fecero “i giganti” del 1962. L’alternativa altrimenti sarà solo la guerra. L’Unione inoltre parli ad una sola voce sul tema dei migranti promuovendo una vera politica di accoglienza dei profughi ucraini e di tutti gli altri profughi di altri Paesi indipendentemente dal colore della pelle, dalle convinzioni religiose, dalle condizioni sociali, dall’etnia, perché altrimenti c’è solo una parola per definirlo: razzismo.

Chiudo citando l’unico vero “gigante” di questo ultimo decennio: Papa Francesco. «Che vittoria sarà quella che pianterà una bandiera su un cumulo di macerie? Ma le guerre, tutte, sono morte, povertà e distruzione, per questo dovrebbe esserci un solo grido che coinvolga all’unisono tutto il mondo: tacciano le armi» …. Per sempre aggiungo io.

W l’Italia, w il 25 aprile, w la Repubblica, w i partigiani, w la pace

DESIGN ARMANDO DURANTI 2018