foto1

COORDINAMENTO ASPIO / B. MUSONE

foto1

PRIMO LEVI

foto1

ARRIGO BOLDRINI "BULOW"

foto1

PIERO CALAMANDREI

foto1

ALCIDE CERVI

 

 

 

Noi che non abbiamo mai avuto un minimo dubbio. Noi che siamo tante volte scesi in piazza già da tanti anni denunciando pubblicamente le commistioni fasulle  tra malavita, ambienti neofascisti e coperture, non ci stupiamo affatto dell'ultimo ritrovamento di un cospicuo armamento, tra cui un missile terra-aria,  trovato in possesso a gruppi eversivi neri a Torino.   In questo quadro malefico questi soggetti o gruppi di soggetti, cosa non irrilevante, trovano terreno fertile nelle curve degli stadi con l'indifferenza di società sportive che non possono non sapere quali soggetti hanno davanti.   Questo atteggiamento superficiale non può più essere tollerato.   Ogni aspetto sociale in cui si annidano frange eversive, queste vanno perseguite dalla giustizia. Queste operazioni di polizia riconfermano la presenza dello Stato democratico nato dalla Resistenza e dall'antifascismo. Per parte nostra di antifascisti, riconfermiamo pieno appoggio alle Forze dell'Ordine e ai magistrati garanti della Costituzione e quindi della libertà e della democrazia; di più, riconfermiamo il nostro impegno per assicurare la vigilanza democratica su questo Paese.

 

Sequestrato arsenale con armi da guerra a un gruppo di estremisti destra, c'è anche un missile

Tre gli arresti: c'è anche ex candidato al Senato per Forza Nuova. Nel mirino italiani che hanno combattuto nel Donbass, in Ucraina

 

 

di CARLOTTA ROCCI  per Rep.it

C’era anche un missile aria aria - che era disarmato, ma perfettamente funzionante e poteva essere riarmato - usato dalle forze armate del Qatar tra il materiale sequestrato questa mattina dalla Digos in una delle abitazioni degli esponenti di estrema destra colpiti da un provvedimento di perquisizione. Tre gli arrestati: in manette figura anche Fabio Del Bergiolo, 60 anni, ex ispettore delle dogane specializzato nell'antifrode finito nei guai nel 2003 per una truffa messa in atto mentre era in servizio a Malpensa. Del Bergiolo è un militante di Forza Nuova ed è stato candidato al senato a Gallarate nel 2001. Alessandro Monti, 42 anni, svizzero, è invece il titolare della società che possiede l'hangar vicino a Voghera dove è stato trovato il missile. Il terzo finito in manette è Fabio Bernardi, 51 anni.  Le indagini della Digos erano partite un anno fa dopo le intercettazioni su un gruppo di italiani  che avevano combattuto in Ucraina.  I sospetti su Del Bergiolo sono  nati dalle telefonate che hanno intercettato i suoi tentativi di vendere il missile aria aria da guerra  di fabbricazione francese per circa 470mila euro. Tra i potenziali  acquirenti c'era anche il funzionario pubblico di un paese straniero che si era dimostrato interessato ma pretendeva la documentazione sull'acquisto della bomba.

L'operazione è scattata all'alba, con nuove perquisizioni e nuovi sequestri da parte della Digos di Torino che nell’ultimo periodo ha concentrato l’attenzione sui gruppi oltranzisti di estrema destra che orbitano su Torino,  una galassia nera  che spazia dai messaggi politici e di propaganda alle infiltrazioni nelle tifoserie calcistiche.

Il questore di Torino Giuseppe De Matteis ha definito l'operazione "un sequestro con pochi precedenti per la qualità  delle armi e il loro potenziale violento".

Precisa Salvatore Ferrara, coordinatore regionale di Forza Nuova Lombardia: "E' stata diffusa la falsa notizia di persone appartenenti a Forza Nuova coinvolte nelle perquisizioni in Lombardia e Piemonte, col conseguente sequestro di varie armi. Se uno degli arrestati è stato candidato nelle liste di Forza Nuova nel lontano 2001 (18 anni fa!), affermiamo che al contrario nessuna delle persone coinvolte è ormai da anni militante di Forza Nuova, che dunque non c’entra assolutamente nulla con le perquisizioni di questa mattina".

       

 

 


 

 

E' scomparso sabato mattina l'ultimo tra coloro che videro per primi l'alba della libertà, il partigiano

 

 

ORLANDO DURANTI

 

padre di Armando e nonno di Niccolò, rispettivamente ex presidente e attuale presidente dell' ANPI di Osimo, istitutori del Premio Nazionale ANPI FAbrizi di Osimo. 

Molte le personalità delle Istituzioni locali che hanno sin qui reso omaggio al feretro, dal Vice Sindaco Mauro Pellegrini al sindaco di Offagna Ezio Capitani, all'assessore Michela Glorio, ai consiglieri comunali Flamini e Catena, al Presidente del Gruppo Astea Fabio Marchetti al Presidente dell'Istituto Campana per L'Istruzione Permanente Matteo Biscarini; ma anche tanti ex compagni di militanza oggi distribuiti nei vari partiti del centrosinistra e della sinistra, nella CGIL, nello SPI, ecc.

Tanti i cittadini che hanno conosciuto un uomo umile, ma straordinariamente protagonista della vita cittadina, come riportano le tante testate giornalistiche cartacee o del web: innumerevoli i messaggi di cordoglio. 

Nato da una famiglia disagiata di contadini, condusse una prima infanzia di stenti e sacrifici.  Pur essendo arrivato alla quinta classe, dovette smettere spedito "a garzone" in campagna a paga zero con il solo vitto e alloggio 

Durante il periodo fascista, rischiò più volte di far perdere la casa popolare affidata alla sua famiglia perché renitente alle adunate del sabato cui mai partecipò. 

Orlando, a 17 anni, non fu solo protagonista della Liberazione come riportano i testi di storia locale,  ma contribuì alla rifondazione post bellum del sindacato CGIL e di quella che si staccherà e diverrà l'odierna CIA; a lui fu affidato il compito di organizzare la raccolta presso le campagne della zona, della famosa quindicina in grano, pur essendo egli un organettaio.

Contribuì alla rifondazione delle varie sezioni osimane del PCI e partecipò alla costruzione della stessa Casa del Popolo.

Organizzò con i compagni le prime feste di Giorni-Vie Nuove, ai campi dell'ANPI-UDI e alle prime feste de l'Unità fino all'ultima. 

Negli anni 50, epoca di emigrazioni, finanziò i viaggi dei compagni che tentavano la fortuna in terra di Francia, e quei compagni che stavano ricostruendo una vita localmente, senza chiedere indietro niente in più.

Dall'eta di 11 anni iniziò l'attività di organettaio brevettando qualche innovazione sullo strumento, finendo poi, dagli anni '60, a capo delle maestranze di una delle più importanti fabbriche di fisarmoniche e chitarre fidardensi: la Quagliardi Welson.

 

Come citano le cronache di oggi, egli diresse gli operai della fabbrica non solo dal punto di vista organizzativo ma anche da un punto di vista dell'innovazione. Pur in una posizione considerata di privilegio, egli conservò sempre la sua postazione di lavoro ed il camice della stessa tinta marrone dei suoi numerosi subalterni.  Di più, settimanalmente svolgeva la raccolta dei fondi per la FIOM-CGIL quando ancora non esisteva la delega sindacale.

Diffusore domenicale dell'Unità, non mancò mai un'occasione di partito e fu da questo candidato negli anni '50.   Partecipò alle lotte operaie degli anni '60 e '70, alle campagne per il divorzio e l'aborto. Fu consigliere del quartiere operaio del Borgo. 

Ideologicamente seguì tutte le vicende storiche del PCI fino al PD, seguendo sempre le scelte congressuali ma serbando sempre la propria autonomia di giudizio: alla politica non chiese mai nulla.

Nel 1974 gli venne conferito il Diploma di Combattente dal governo Spadolini.

Nel 2009 fu emerito dell'allora Premio Regionale ANPI Fabrizi. 

Nel 2014 il Comune di Osimo, guidato dal sindaco Pugnaloni, gli conferì la Civica Benemerenza e, nel 70' della Liberazione, ricevette la medaglia del Ministero della Difesa.

Orlando ci ha lasciato donandoci un'incredibile esperienza di vita e una strada da seguire: Noi rimaniamo per proseguirla!

 

Addio babbo, addio nonno, addio compagno. 

 

I funerali si svolgeranno martedì 23 aprile presso il Cimitero Maggiore di Osimo alle ore 10.30

 

LOCANDINA

AD OSIMO


 

  

 

 

 

In libreria


 

 


 


 


 

  


 


 

 

SIBILLAONLINETV2 REPLAY