foto1

COORDINAMENTO ASPIO / B. MUSONE

foto1

PRIMO LEVI

foto1

ARRIGO BOLDRINI "BULOW"

foto1

PIERO CALAMANDREI

foto1

ALCIDE CERVI

 

 

 

Noi che non abbiamo mai avuto un minimo dubbio. Noi che siamo tante volte scesi in piazza già da tanti anni denunciando pubblicamente le commistioni fasulle  tra malavita, ambienti neofascisti e coperture, non ci stupiamo affatto dell'ultimo ritrovamento di un cospicuo armamento, tra cui un missile terra-aria,  trovato in possesso a gruppi eversivi neri a Torino.   In questo quadro malefico questi soggetti o gruppi di soggetti, cosa non irrilevante, trovano terreno fertile nelle curve degli stadi con l'indifferenza di società sportive che non possono non sapere quali soggetti hanno davanti.   Questo atteggiamento superficiale non può più essere tollerato.   Ogni aspetto sociale in cui si annidano frange eversive, queste vanno perseguite dalla giustizia. Queste operazioni di polizia riconfermano la presenza dello Stato democratico nato dalla Resistenza e dall'antifascismo. Per parte nostra di antifascisti, riconfermiamo pieno appoggio alle Forze dell'Ordine e ai magistrati garanti della Costituzione e quindi della libertà e della democrazia; di più, riconfermiamo il nostro impegno per assicurare la vigilanza democratica su questo Paese.

 

Sequestrato arsenale con armi da guerra a un gruppo di estremisti destra, c'è anche un missile

Tre gli arresti: c'è anche ex candidato al Senato per Forza Nuova. Nel mirino italiani che hanno combattuto nel Donbass, in Ucraina

 

 

di CARLOTTA ROCCI  per Rep.it

C’era anche un missile aria aria - che era disarmato, ma perfettamente funzionante e poteva essere riarmato - usato dalle forze armate del Qatar tra il materiale sequestrato questa mattina dalla Digos in una delle abitazioni degli esponenti di estrema destra colpiti da un provvedimento di perquisizione. Tre gli arrestati: in manette figura anche Fabio Del Bergiolo, 60 anni, ex ispettore delle dogane specializzato nell'antifrode finito nei guai nel 2003 per una truffa messa in atto mentre era in servizio a Malpensa. Del Bergiolo è un militante di Forza Nuova ed è stato candidato al senato a Gallarate nel 2001. Alessandro Monti, 42 anni, svizzero, è invece il titolare della società che possiede l'hangar vicino a Voghera dove è stato trovato il missile. Il terzo finito in manette è Fabio Bernardi, 51 anni.  Le indagini della Digos erano partite un anno fa dopo le intercettazioni su un gruppo di italiani  che avevano combattuto in Ucraina.  I sospetti su Del Bergiolo sono  nati dalle telefonate che hanno intercettato i suoi tentativi di vendere il missile aria aria da guerra  di fabbricazione francese per circa 470mila euro. Tra i potenziali  acquirenti c'era anche il funzionario pubblico di un paese straniero che si era dimostrato interessato ma pretendeva la documentazione sull'acquisto della bomba.

L'operazione è scattata all'alba, con nuove perquisizioni e nuovi sequestri da parte della Digos di Torino che nell’ultimo periodo ha concentrato l’attenzione sui gruppi oltranzisti di estrema destra che orbitano su Torino,  una galassia nera  che spazia dai messaggi politici e di propaganda alle infiltrazioni nelle tifoserie calcistiche.

Il questore di Torino Giuseppe De Matteis ha definito l'operazione "un sequestro con pochi precedenti per la qualità  delle armi e il loro potenziale violento".

Precisa Salvatore Ferrara, coordinatore regionale di Forza Nuova Lombardia: "E' stata diffusa la falsa notizia di persone appartenenti a Forza Nuova coinvolte nelle perquisizioni in Lombardia e Piemonte, col conseguente sequestro di varie armi. Se uno degli arrestati è stato candidato nelle liste di Forza Nuova nel lontano 2001 (18 anni fa!), affermiamo che al contrario nessuna delle persone coinvolte è ormai da anni militante di Forza Nuova, che dunque non c’entra assolutamente nulla con le perquisizioni di questa mattina".

       

E' davvero un razzismo... di razza.
E' un razzismo che ha precise radici storiche dichiarate, quelle del 1938. E' un razzismo che ha provocato danni incommensurabili che vanno altre la Shoah, va oltre l'eliminazione fisica degli oppositori politici, dei Testimoni di Geova, dei Rom e di chiunque sia stato indicato come qualcosa di estraneo al proprio quadro ideologico. La cosa peggiore è che quella scuola, non sin può definire "di pensiero" perché nasce da qualcosa di diverso dalla razionalità, ha creato un sentimento aberrante che non ha tempo non è non ha un luogo preciso, ma che è sicuramente nemico dichiarato delle società libere e democratiche. Ci ripetiamo spesso che occorre agire nelle scuole laddove si formano le nuove generazioni. Non tutte le scuole sono "accoglienti" e l'ANPI non è ovunque: occorre qualcosa di più strutturato.  Chi invece si era mosso dentro gli stadi, cassa di risonanza enorme, adesso ha fatto un passo avanti: crea delle "scuole" che assomigliano a quelle che abbiamo cominciato a conoscere per fatti che coprono le strade con sangue d'innocenti e non di soldati, non sui campi di battaglia; "scuole" che abbiamo conosciuto come fonti di approvvigionamento del terrorismo.   Di seguito un'articolo pubblicato da Repubblica. it, un giornale, cui siamo riconoscenti, che sovente denuncia gravi e meno gravi fatti che hanno fondamento, o collateralità, con i movimenti neofascisti.  Leggi nuove e vecchie esistono ma se non vogliamo fermarci alla propaganda,applichiamole.

Le accuse nell'informativa dei carabinieri del Ros. Un papà: "Mio figlio dallo psicologo per guarirlo dall'odio"

Minorenni a scuola di razzismo e indottrinati all'odio nella sede di Forza Nuova di via Amulio nella Capitale. Si possono sintetizzare così le 352 pagine dell'informativa dei carabinieri del Ros che hanno portato la procura di Roma a chiedere il rinvio a giudizio per il prossimo gennaio per "incitamento all'odio razziale" di diversi esponenti del movimento neofascista.

Quello che raccontano le carte allegate al fascicolo firmato dal pm Sergio Colaiocco dà uno spaccato di quanto il movimento di estrema destra punti tutto sui giovani. "A me la cosa che interessa di più so' i ragazzini, i ragazzini ", dice uno dei leader della sede storica romana di Forza Nuova. Giovani reclute da crescere nell'odio e che sfuggono all'educazione di madri e padri, cambiano umore, si fidano ciecamente dei dettami dei leader del movimento. Ci sono i genitori di alcuni ragazzini che frequentano la sezione del partito che chiamano disperati i responsabili del movimento: "Noi non esistiamo più - dice il padre di un 17enne in una conversazione intercettata dai carabinieri nel 2014 - Esistono solo il partito e i capoccioni del partito, noi genitori non contiamo un c...". Il figlio ha incassato due denunce per affissioni abusive di cartelloni di Fn. E si lamenta col responsabile: "Sarà il caso di non utilizzare più i minori per queste cose? È la seconda denuncia nel giro di dieci giorni". Lo esorta, poi, a insegnare loro ai ragazzi come comportarsi "perché tanto mio figlio, se io gli dico di non andare a fare le affissioni, da una parte gli entra dall'altra parte gli esce (...) perché secondo loro esistete solo voi".

Non solo affissioni e volantinaggio ma anche pestaggi. I militari del Raggruppamento operativo speciale hanno anche raccolto la testimonianza di un altro padre che aveva scoperto che suo figlio diciassettenne aveva partecipato a un "Bangla tour" (così è stato battezzato il pestaggio di cittadini bengalesi). L'uomo ha spiegato agli investigatori di aver deciso di mandare "il suo ragazzo" sul lettino di uno psicologo "perché era necessario ricorrere a cure specialistiche per gestire gli scatti d'ira e l'odio sviluppato " nei mesi in cui aveva frequentato la sezione.

E infatti i militari scrivono che "proprio l'indottrinamento nei confronti dei minori, a cui i capi (di Forza Nuova, ndr) puntano in maniera particolare, è risultato profondo". Nelle carte si legge che all'interno della sezione di Fn in via Amulio si insegna "l'incitamento alla discriminazione e alla violenza per motivi razziali e religiosi, nonché il ricorso alla violenza come mezzo di risoluzione delle controversie ". I bengalesi sarebbero le vittime prescelte dei pestaggi da parte dei ragazzi dell'estrema destra, come documentato nel 2013 da un'inchiesta di Repubblica da cui è nata l'indagine della magistratura durata due anni che oggi chiede di mandare a giudizio molti estremisti di destra. Tant'è che diversi cittadini del Bangladesh sentiti dai carabinieri hanno rappresentato il terrore di frequentare le vie intorno alla sede del movimento neofascista nel quartiere Tuscolano: "Frequenti le aggressioni - annotano i Ros - nei confronti di cittadini bengalesi, tanto che alcuni degli escussi hanno affermato addirittura di evitare di frequentare quella zona (intorno alla sede di Fn, ndr) proprio per il timore di incappare nelle aggressioni ".

Dal 2011 al 2014, ricostruiscono gli investigatori, 59 cittadini bengalesi sono stati medicati per aggressioni fisiche al pronto soccorso del Vannini, l'ospedale che si trova ad appena un paio di chilometri dalla sede di Fn di via Amulio. Gli inquirenti hanno selezionato venti vittime di pestaggi e molti di loro hanno spiegato "di aver subito aggressioni prive di apparenti motivi ad opera di italiani, riuniti in gruppi, aggressioni caratterizzate da particolare violenza anche ricorrendo all'uso di bastoni".

La pericolosità dell'indottrinamento di giovanissimi è tracciata in modo netto nell'informativa con cui si chiede il rinvio a giudizio di diversi esponenti di Forza Nuova. Quanto raccolto dai militari del Ros infatti, si legge nelle carte, "evidenzia come l'attenzione del gruppo si concentrino sull'attività di indottrinamento dei giovani sin dall'età adolescenziale, al fine di meglio coinvolgerli in una devota condivisione di intenti dettati dal movimento e ai quali ispirare la propria militanza e la propria vita". Meglio se non maggiorenni.   Ancora. "Tale capacità di trasportare i minori in un contesto caratterizzato da dettami rigidi e intriso di odio e razzismo - sottolineano gli inquirenti nell'informativa - evidenzia la portata reale della pericolosità di un gruppo che riesce così a radicarsi negli aderenti sia da un punto di vista ideologico che comportamentale".

LOCANDINA

AD OSIMO


 

  

 

 

 

In libreria


 

 


 


 


 

  


 


 

 

SIBILLAONLINETV2 REPLAY