Cervi

 

 

 

"No pasarán!": il tributo all'antifascismo sulle maglie inglesi

 

 

La divisa da gioco per la trasferta del Clapton, club amatoriale inglese nato due mesi fa, è stata ideata da un marchio italiano: è un omaggio alle Brigate Internazionali in cui combatterono anche Orwell e Hemingway

 

¡No pasarán!. Un motto antifascista passato alla storia e da pochi giorni è anche sui campi di calcio. Il Clapton Cfc, squadra inglese di livello 9 nella struttura della federcalcio inglese (più o meno i nostri amatori) e fondata solo due mesi fa, ha voluto incidere questa frase sulla propria maglia per la trasferta. Non è l’unico riferimento storico: sulla maglietta campeggiano i colori della bandiera della seconda repubblica spagnola e la stella a tre punte che ha contraddistinto il Frente Popular e le Brigate Internazionali, che 80 anni fa combatterono insieme a volontari provenienti da tutto il mondo (tra loro George Orwell, Ernest Hemingway e Carlo Rosselli) la guerra civile di Spagna contro i falangisti di Francisco Franco.

Il club inglese aveva in mente un omaggio per l’ottantesimo anniversario della guerra civile, e ha realizzato il tutto affidandosi ad uno sponsor tecnico italiano: la Rage Sports, che in Italia veste anche la Afronapoli United, club di Promozione che schiera calciatori migranti.

 

La divise da gioco in Spagna sono diventate viralI, e in poco tempo le magliette (circa 250) sono andate praticamente a ruba visto che sono arrivati oltre 5.000 ordini, tanto da “costringere” la squadra inglese ad alcune scuse per la mancanza di fornitura ed è in fase di organizzazione di un piano per “distribuire a tutti la propria maglietta”. Ma non è finita: il club è in contatto con l’associazione che commemora i volontari britannici e irlandesi, per far sì che la cifra guadagnata con le maglie possa essere impiegata in qualche attività per ricordare i loro compatrioti. ¡Suerte, Clapton!

 

Filtro
  • Saluto ad una bandiera

    Mario Aldobrandini Mariolì ci ha lasciato. Non lo conoscevamo così a fondo eppure ci sentiamo di spendere queste righe per lui perché, in ogni circostanza, non mancava e non mancavamo di salutarci: salutarlo era un dovere ed un piacere. Lui, con la sua mitezza, sempre con quel sorriso fino, così minuto, non era proprio l'immagine del guerriero; ma la sua parte l'aveva fatta, eccome! Un dovere ogni volta salutarlo perché egli con la sua bandiera rappresentava le nostre radici, la

    ...
  • Il nostro iscritto Ruotolo applauditissimo a Moie

    La lotta alle disuguaglianze è il valore fondamentale da cui bisogna ripartire per ricostruire una base comune, il nodo centrale per una convivenza e un’integrazione civile e democratica: questo l’auspicio che il nostro iscritto Sandro Ruotolo ha espresso in chiusura del suo appassionato intervento a Moie in occasione della pastasciutta antifascista.

     

    Incalzato dalle domande postegli da Niccolò Duranti e dai numerosi intervenuti, 170 secondo uno dei poliziotti della sua

    ...