Cervi

 

 

 

"No pasarán!": il tributo all'antifascismo sulle maglie inglesi

 

 

La divisa da gioco per la trasferta del Clapton, club amatoriale inglese nato due mesi fa, è stata ideata da un marchio italiano: è un omaggio alle Brigate Internazionali in cui combatterono anche Orwell e Hemingway

 

¡No pasarán!. Un motto antifascista passato alla storia e da pochi giorni è anche sui campi di calcio. Il Clapton Cfc, squadra inglese di livello 9 nella struttura della federcalcio inglese (più o meno i nostri amatori) e fondata solo due mesi fa, ha voluto incidere questa frase sulla propria maglia per la trasferta. Non è l’unico riferimento storico: sulla maglietta campeggiano i colori della bandiera della seconda repubblica spagnola e la stella a tre punte che ha contraddistinto il Frente Popular e le Brigate Internazionali, che 80 anni fa combatterono insieme a volontari provenienti da tutto il mondo (tra loro George Orwell, Ernest Hemingway e Carlo Rosselli) la guerra civile di Spagna contro i falangisti di Francisco Franco.

Il club inglese aveva in mente un omaggio per l’ottantesimo anniversario della guerra civile, e ha realizzato il tutto affidandosi ad uno sponsor tecnico italiano: la Rage Sports, che in Italia veste anche la Afronapoli United, club di Promozione che schiera calciatori migranti.

 

La divise da gioco in Spagna sono diventate viralI, e in poco tempo le magliette (circa 250) sono andate praticamente a ruba visto che sono arrivati oltre 5.000 ordini, tanto da “costringere” la squadra inglese ad alcune scuse per la mancanza di fornitura ed è in fase di organizzazione di un piano per “distribuire a tutti la propria maglietta”. Ma non è finita: il club è in contatto con l’associazione che commemora i volontari britannici e irlandesi, per far sì che la cifra guadagnata con le maglie possa essere impiegata in qualche attività per ricordare i loro compatrioti. ¡Suerte, Clapton!

 

Filtro
  • E' scomparso il compagno Guido Maggiori

    E' mancato anche Guido. Se ne va con lui un pezzo di storia osimana: quella che la storia locale, a volte, sottace. Quella storia che parla di lotte per la libertà, quella che parla dei lavoratori e dei contadini, del proletariato urbano e rurale, del loro sacrificio, della loro miseria materiale ma non morale, delle loro lotte senza le quali questo Paese sarebbe oggi meno civile.

    Un pezzo di storia che parla di tante battaglie in Consiglio comunale quando questo era il vero fulcro

    ...
  • STORIA DEGLI ITALIANI CHE A SALÒ SI SCHIERARONO DALLA PARTE SBAGLIATA

    Cosa spinse migliaia di uomini e donne, spesso giovanissimi, ad aderire, a fascismo caduto, alla Repubblica sociale di Salò? Lo fecero per un’estrema convinzione ideale, per patriottismo, per fede nel Duce, certo; ma anche per “proteggere la famiglia”; “per non perdere il posto”; “per evitare l’internamento ideale”, come emerge dal campione di motivazioni riportato da Mario Avagliano e Marco Palmieri inL’Italia di Salò

    ...
  • La 12.a disposizione

    Leggiamo dalle cronache che nelle amministrative ultime, nel comune di  Sermide e Felonica in terra virgiliana, la lista neofascista “Fasci italiani del lavoro”, con tanto di fascio littorio nel simbolo, ha fallito l’obbiettivo di un seggio in Consiglio comunale di quelle due città aggregatesi.   Il fatto che quella lista non sia rappresentata nelle Istituzioni ci consola ma di certo un successo quei personaggi lo hanno colto. Hanno cioè colto il successo di far apparire il fascio littorio

    ...