Cervi

 

 

 

"No pasarán!": il tributo all'antifascismo sulle maglie inglesi

 

 

La divisa da gioco per la trasferta del Clapton, club amatoriale inglese nato due mesi fa, è stata ideata da un marchio italiano: è un omaggio alle Brigate Internazionali in cui combatterono anche Orwell e Hemingway

 

¡No pasarán!. Un motto antifascista passato alla storia e da pochi giorni è anche sui campi di calcio. Il Clapton Cfc, squadra inglese di livello 9 nella struttura della federcalcio inglese (più o meno i nostri amatori) e fondata solo due mesi fa, ha voluto incidere questa frase sulla propria maglia per la trasferta. Non è l’unico riferimento storico: sulla maglietta campeggiano i colori della bandiera della seconda repubblica spagnola e la stella a tre punte che ha contraddistinto il Frente Popular e le Brigate Internazionali, che 80 anni fa combatterono insieme a volontari provenienti da tutto il mondo (tra loro George Orwell, Ernest Hemingway e Carlo Rosselli) la guerra civile di Spagna contro i falangisti di Francisco Franco.

Il club inglese aveva in mente un omaggio per l’ottantesimo anniversario della guerra civile, e ha realizzato il tutto affidandosi ad uno sponsor tecnico italiano: la Rage Sports, che in Italia veste anche la Afronapoli United, club di Promozione che schiera calciatori migranti.

 

La divise da gioco in Spagna sono diventate viralI, e in poco tempo le magliette (circa 250) sono andate praticamente a ruba visto che sono arrivati oltre 5.000 ordini, tanto da “costringere” la squadra inglese ad alcune scuse per la mancanza di fornitura ed è in fase di organizzazione di un piano per “distribuire a tutti la propria maglietta”. Ma non è finita: il club è in contatto con l’associazione che commemora i volontari britannici e irlandesi, per far sì che la cifra guadagnata con le maglie possa essere impiegata in qualche attività per ricordare i loro compatrioti. ¡Suerte, Clapton!

 

Filtro
  • Decifrate le lettere di un deportato ad Auschwitz: "Portavo gli altri a morire dicendo loro la verità"

    Abbiamo conosciuto Nedo Fiano, lo abbiamo premiato con il Premio Nazionale ANPI Fabrizi, e lui ci regalò il racconto della sua prigionia ad Auschwitz e della sua "forzosa attività" nel Sonderkommando, probabilmente affianco a quel Marcel Nadjari cui oggi "risorgono" le memorie di questa tremenda tragedia umana.

    Per questo ci sentiamo coinvolti in questa notizia con la speranza di poter leggere qualche passaggio nella prossima edizione del

    ...
  • OSIMO INCONTRA

     

  • Riconoscimento ANPI nazionale ad un ragazzo di Osimo

    OSIMO – Il premio dell’Associazione nazionale partigiani italiani se l’è meritato un “piccolo” osimano, già conscio dei valori che fondano l’Italia. Yuri Massacesi, 13 anni, della scuola secondaria “Leopardi” dell’istituto comprensivo “Fratelli Trillini” di Osimo ha vinto il premio nazionale dell’Anpi sulla Costituzione. Il 15 novembre al Miur a Roma, alla presenza del sottosegretario Vito De Filippo e del presidente emerito dell’Anpi Carlo Smuraglia, il

    ...
  • Carla Nespolo guiderà l'Anpi: prima presidente non partigiana e donna

    La sezione ANPI di Osimo, il Coordinamento ANPI della Bassa Valle del Musone e la direzione del Premio Nazionale ANPI Osimo "R.B. Fabrizi", ringraziano il conterraneo presidente dell'ANPI nazionale Carlo Smuraglia per il lavoro svolto e l'alto profilo che ha saputo mantenere all'organizzazione culminato con una determinata e vittoriosa campagna referendaria.

    Alla neoeletta

    ...
  • razzismo...di razza

    E' davvero un razzismo... di razza.
    E' un razzismo che ha precise radici storiche dichiarate, quelle del 1938. E' un razzismo che ha provocato danni incommensurabili che vanno altre la Shoah, va oltre l'eliminazione fisica degli oppositori politici, dei Testimoni di Geova, dei Rom e di chiunque sia stato indicato come qualcosa di estraneo al proprio quadro ideologico. La cosa peggiore è che quella scuola, non sin può definire "di pensiero" perché nasce da qualcosa di diverso dalla

    ...