Cervi

 

 

 

"No pasarán!": il tributo all'antifascismo sulle maglie inglesi

 

 

La divisa da gioco per la trasferta del Clapton, club amatoriale inglese nato due mesi fa, è stata ideata da un marchio italiano: è un omaggio alle Brigate Internazionali in cui combatterono anche Orwell e Hemingway

 

¡No pasarán!. Un motto antifascista passato alla storia e da pochi giorni è anche sui campi di calcio. Il Clapton Cfc, squadra inglese di livello 9 nella struttura della federcalcio inglese (più o meno i nostri amatori) e fondata solo due mesi fa, ha voluto incidere questa frase sulla propria maglia per la trasferta. Non è l’unico riferimento storico: sulla maglietta campeggiano i colori della bandiera della seconda repubblica spagnola e la stella a tre punte che ha contraddistinto il Frente Popular e le Brigate Internazionali, che 80 anni fa combatterono insieme a volontari provenienti da tutto il mondo (tra loro George Orwell, Ernest Hemingway e Carlo Rosselli) la guerra civile di Spagna contro i falangisti di Francisco Franco.

Il club inglese aveva in mente un omaggio per l’ottantesimo anniversario della guerra civile, e ha realizzato il tutto affidandosi ad uno sponsor tecnico italiano: la Rage Sports, che in Italia veste anche la Afronapoli United, club di Promozione che schiera calciatori migranti.

 

La divise da gioco in Spagna sono diventate viralI, e in poco tempo le magliette (circa 250) sono andate praticamente a ruba visto che sono arrivati oltre 5.000 ordini, tanto da “costringere” la squadra inglese ad alcune scuse per la mancanza di fornitura ed è in fase di organizzazione di un piano per “distribuire a tutti la propria maglietta”. Ma non è finita: il club è in contatto con l’associazione che commemora i volontari britannici e irlandesi, per far sì che la cifra guadagnata con le maglie possa essere impiegata in qualche attività per ricordare i loro compatrioti. ¡Suerte, Clapton!

 

Filtro
  • Il racconto agli alunni di Osimo Stazione della Giornata della Memoria

    La storia non è solo quella che si studia sui manuali, la storia è la quotidianità spezzata e stravolta di una famiglia, di una città, di un popolo. La storia non è astratta, la storia è in un libretto di un militare osimano internato in un campo di lavoro, in una lettera inviata da un commilitone che narra la fine di un ufficiale osimano, nella prima pagina del Corriere della Sera dell’11 novembre 1938, nei visi sorridenti impressi su una foto. E’ con questo spirito che abbi

    ...
  • No al banchetto di Casapound ad Osimo

    Abbiamo appena appreso che domani, sabato 28 gennaio, verrà allestito un banchetto informativo di Casapound Italia in piazza del teatro ad Osimo. Pur nel rispetto del diritto di parola e di manifestazione sanciti dalla Costituzione italiana riteniamo, come associazione nazionale partigiani e come osimani democratici ed antifascisti che nella nostra città non ci sia spazio per chi si definisce “fascista del terzio millennio” e per chi si riconosce in un regime che ha devastato

    ...
  • Ha ragione Smuraglia: a livello istituzionale la sensibilità antifascista è insufficiente. Ferma condanna della sezione di Osimo alla consigliere comunale Mariani di Osimo.

    L’Associazione dei Partigiani di Osimo, unanimemente a tutti i cittadini democratici, liberi e antifascisti di Osimo e a chi crede con determinazione nelle civili e democratiche Istituzioni italiane nate dall’antifascismo, dalla Resistenza e dalla Lotta di Liberazione del popolo italiano prendono le distanze dalla consigliere comunale Mariani per quanto scritto sul social Facebook in

    ...