Cervi

 

 

 

"No pasarán!": il tributo all'antifascismo sulle maglie inglesi

 

 

La divisa da gioco per la trasferta del Clapton, club amatoriale inglese nato due mesi fa, è stata ideata da un marchio italiano: è un omaggio alle Brigate Internazionali in cui combatterono anche Orwell e Hemingway

 

¡No pasarán!. Un motto antifascista passato alla storia e da pochi giorni è anche sui campi di calcio. Il Clapton Cfc, squadra inglese di livello 9 nella struttura della federcalcio inglese (più o meno i nostri amatori) e fondata solo due mesi fa, ha voluto incidere questa frase sulla propria maglia per la trasferta. Non è l’unico riferimento storico: sulla maglietta campeggiano i colori della bandiera della seconda repubblica spagnola e la stella a tre punte che ha contraddistinto il Frente Popular e le Brigate Internazionali, che 80 anni fa combatterono insieme a volontari provenienti da tutto il mondo (tra loro George Orwell, Ernest Hemingway e Carlo Rosselli) la guerra civile di Spagna contro i falangisti di Francisco Franco.

Il club inglese aveva in mente un omaggio per l’ottantesimo anniversario della guerra civile, e ha realizzato il tutto affidandosi ad uno sponsor tecnico italiano: la Rage Sports, che in Italia veste anche la Afronapoli United, club di Promozione che schiera calciatori migranti.

 

La divise da gioco in Spagna sono diventate viralI, e in poco tempo le magliette (circa 250) sono andate praticamente a ruba visto che sono arrivati oltre 5.000 ordini, tanto da “costringere” la squadra inglese ad alcune scuse per la mancanza di fornitura ed è in fase di organizzazione di un piano per “distribuire a tutti la propria maglietta”. Ma non è finita: il club è in contatto con l’associazione che commemora i volontari britannici e irlandesi, per far sì che la cifra guadagnata con le maglie possa essere impiegata in qualche attività per ricordare i loro compatrioti. ¡Suerte, Clapton!

 

Filtro
  • I soldi non sempre giustificano,

    Quando mi ritrovo davanti ai giovani, nelle scuole, tra le cose che cerco di far comprendere ai miei piccoli o meno piccoli interlocutori è questa: perché comprare ed esporre simboli, peggio tatuarsi a pelle che rappresentano violenza, morte ma che soprattutto rappresentano la sconfitta? Nel proseguo dei miei interventi spiego a chi mi sta davanti che quei simboli rappresentano la vittoria dei forti sugli inermi, su chi aveva poco da opporre alla violenza delle armi se non le ragioni della

    ...
  • La liberazione di Osimo

    6 luglio 1944. Un giorno di gioia per il nostro territorio. Il nazismo in rotta ammaina le proprie insegne e scappa con quello che rimane del fascismo visto che gia' da un po' di giorni i gerarchetti locali hanno lasciato in tutta fretta la citta'. Ma il disastro umano della guerra non compi' in quel giorno il suo destino. Fino al 18 successivo fu un susseguirsi di lotte furibonde che non risparmiarono 150 tra uomini e donne, tra bambini ed anziani osimani o rifugiati. Molti italiani del

    ...
  • Comunicato del sindaco di Osimo nel 72' della Liberazione

     

     

    Il sindaco di Osimo Simone Pugnaloni e l'intera Amministrazione civica celebrano oggi, 6 luglio 2016, il 72° anniversario della Liberazione della città dall'occupazione nazifascista, il ritorno alla libertà ed alla democrazia dopo un Ventennio di soprusi

    ...
  • Celebrati i Martiri di Chigiano.

    In questi giorni l'Europa è, come non mai, messa in discussione nei suoi valori e nelle sue radici: è da Valdiola che rilanciamo con forza l'idea che la vera unione dei popoli europei nacque nelle montagne dove combatterono i partigiani. Erano accomunati tutti dal medesimo intento e da una stessa ambizione: quella della pace, della
    ...