Cervi

 

 

 

"No pasarán!": il tributo all'antifascismo sulle maglie inglesi

 

 

La divisa da gioco per la trasferta del Clapton, club amatoriale inglese nato due mesi fa, è stata ideata da un marchio italiano: è un omaggio alle Brigate Internazionali in cui combatterono anche Orwell e Hemingway

 

¡No pasarán!. Un motto antifascista passato alla storia e da pochi giorni è anche sui campi di calcio. Il Clapton Cfc, squadra inglese di livello 9 nella struttura della federcalcio inglese (più o meno i nostri amatori) e fondata solo due mesi fa, ha voluto incidere questa frase sulla propria maglia per la trasferta. Non è l’unico riferimento storico: sulla maglietta campeggiano i colori della bandiera della seconda repubblica spagnola e la stella a tre punte che ha contraddistinto il Frente Popular e le Brigate Internazionali, che 80 anni fa combatterono insieme a volontari provenienti da tutto il mondo (tra loro George Orwell, Ernest Hemingway e Carlo Rosselli) la guerra civile di Spagna contro i falangisti di Francisco Franco.

Il club inglese aveva in mente un omaggio per l’ottantesimo anniversario della guerra civile, e ha realizzato il tutto affidandosi ad uno sponsor tecnico italiano: la Rage Sports, che in Italia veste anche la Afronapoli United, club di Promozione che schiera calciatori migranti.

 

La divise da gioco in Spagna sono diventate viralI, e in poco tempo le magliette (circa 250) sono andate praticamente a ruba visto che sono arrivati oltre 5.000 ordini, tanto da “costringere” la squadra inglese ad alcune scuse per la mancanza di fornitura ed è in fase di organizzazione di un piano per “distribuire a tutti la propria maglietta”. Ma non è finita: il club è in contatto con l’associazione che commemora i volontari britannici e irlandesi, per far sì che la cifra guadagnata con le maglie possa essere impiegata in qualche attività per ricordare i loro compatrioti. ¡Suerte, Clapton!

 

Filtro
  • La piena attuazione della Costituzione è la priorità per il Paese. L'ANPI farà la sua parte.

    II Comitato nazionale deIl'ANPI prende atto con soddisfazione dell'esito del voto del 4 dicembre e ritiene che lo stesso abbia espresso con chiarezza la volontà di gran parte dei cittadini e delle cittadine di rispettare la Carta costituzionale, consentendo solo a revisioni puntuali, circoscritte e condivise, che ne osservino lo spirito. Da quel voto, peraltro, si ricava anche una importante volontà di partecipazione, nonché - implicitamente - una richiesta di rispetto, ma anche di piena

    ...
  • Smuraglia: "Riprendiamo il nostro lavoro. Avremo molto da fare per spingere più a fondo l'acceleratore sulla conoscenza, il rispetto e l'amore per la Costituzione"

    Partiamo dal comunicato emesso nella “fatidica” notte, diffuso alle agenzie e raccolto – al mattino – solo dal “Fatto Quotidiano”. Ritengo che esso contenesse l'essenziale, pur nel momento – ovvio – di maggiore ma “composta” soddisfazione. Lo riproduco al termine di queste note, per chi non lo avesse ancora letto.

    ...
  • Cos’è e cosa non è l'ANPI

    Questa caotica stagione referendaria ha procurato e procura innumerevoli riflessioni, talora accese, talora depresse e depressive, talora ferme e tese a fare il punto. Dal mio osservatorio privilegiato, ho avuto modo in questi mesi di imbattermi in parti variegatissimi, in alcuni casi di pancia, come si suol dire, spesso di ambigua origine, un distinto ring comunicativo che ha riguardato inevitabilmente anche l’ANPI, un’antica e autorevole associazione mai trovatisi prima in uno scenario

    ...
  • Un NO che guarda al futuro

    Una campagna referendaria lunghissima, durata oltre sei mesi e che finalmente sta per concludersi. I toni di questa campagna sono stati spesso sopra le righe da entrambi gli schieramenti con attacchi personali e slogan privi di fondamento più che di critica dei contenuti.

    E’ capitato spesso a livello nazionale che il fronte del si, forse a corto di idee, abbia utilizzato l’arma della critica sulla composizione eterogenea dello schieramento del NO, che

    ...