Cervi

 

 

 

"No pasarán!": il tributo all'antifascismo sulle maglie inglesi

 

 

La divisa da gioco per la trasferta del Clapton, club amatoriale inglese nato due mesi fa, è stata ideata da un marchio italiano: è un omaggio alle Brigate Internazionali in cui combatterono anche Orwell e Hemingway

 

¡No pasarán!. Un motto antifascista passato alla storia e da pochi giorni è anche sui campi di calcio. Il Clapton Cfc, squadra inglese di livello 9 nella struttura della federcalcio inglese (più o meno i nostri amatori) e fondata solo due mesi fa, ha voluto incidere questa frase sulla propria maglia per la trasferta. Non è l’unico riferimento storico: sulla maglietta campeggiano i colori della bandiera della seconda repubblica spagnola e la stella a tre punte che ha contraddistinto il Frente Popular e le Brigate Internazionali, che 80 anni fa combatterono insieme a volontari provenienti da tutto il mondo (tra loro George Orwell, Ernest Hemingway e Carlo Rosselli) la guerra civile di Spagna contro i falangisti di Francisco Franco.

Il club inglese aveva in mente un omaggio per l’ottantesimo anniversario della guerra civile, e ha realizzato il tutto affidandosi ad uno sponsor tecnico italiano: la Rage Sports, che in Italia veste anche la Afronapoli United, club di Promozione che schiera calciatori migranti.

 

La divise da gioco in Spagna sono diventate viralI, e in poco tempo le magliette (circa 250) sono andate praticamente a ruba visto che sono arrivati oltre 5.000 ordini, tanto da “costringere” la squadra inglese ad alcune scuse per la mancanza di fornitura ed è in fase di organizzazione di un piano per “distribuire a tutti la propria maglietta”. Ma non è finita: il club è in contatto con l’associazione che commemora i volontari britannici e irlandesi, per far sì che la cifra guadagnata con le maglie possa essere impiegata in qualche attività per ricordare i loro compatrioti. ¡Suerte, Clapton!

 

Filtro
  • Battaglia delle Casenuove

    La Battaglia di Casenuove, evento avvenuto lungo le sponde del Musone da fine giugno 44 al 18 luglio successivo, ancora oggi non riceve un giusto tributo da parte degli storici che, tra l'altro, la definiscono: Battaglia di o per Ancona, di Filottrano ecc.

    Fermo restando che sono esatte tutte queste denominazioni, quello che rimane scoperta e l'esatta valenza dell' episodio. 

    Quei 12 giorni di battaglia infernale che costo' il sacrificio di centinaia di persone tra

    ...
  • ANPI MARCHE. COMUNICATO ANTIRAZZISTA

    L'Anpi delle Marche esprime il proprio sconcerto e la propria indignazione per le vergognose e inaccettabili minacce che il vicepresidente del Consiglio regionale delle Marche, il leghista Zaffiri, ha indirizzato al prefetto di Roma Gabrielli in merito all'accoglienza dei richiedenti asilo.
    Minacce che evocano pratiche dello squadrismo fascista, quali liste di proscrizione e olio di ricino, pratiche ormai definitivamente estranee al nostro ordinamento costituzionale e giuridi

    ...
  • PREMIO ACQUI STORIA, “VINCERE E VINCEREMO!” DI AVAGLIANO-PALMIERI TRA I FINALISTI

    Pubblichiamo dal sito del nostro collaboratore Mario Avagliano.

    Arrivano i magnifici sei dell'Acqui Storia, premio che, ancora una volta, propone una rosa vasta e interessante fra cui sarà scelto il vincitore. La Giuria della Sezione scientifica ha scelto i seguenti finalisti: Mario Avagliano - Marco Palmieri, «Vincere e vinceremo! Gli italiani al fronte, 1940-1943», ed. Il Mulino; Riccardo Calimani, «Storia degli ebrei italiani. Nel XIX e nel XX secolo», ed.

    ...
  • STORIE – EVA FISHER E IL FRANCOBOLLO DEL 16 OTTOBRE 1943

    È scomparsa questa mattina a Roma la grande artista Eva Fischer, nel suo attico a Trastevere, circondata dall'affetto del figlio Alan David Baumann e della compagna di questi Grazia Malagamba. Domani alle 12 si terrà il funerale a Prima Porta. Nel 1993 la Fisher creò e donò alle Poste un disegno in ricordo del 16 ottobre 1943, data della prima deportazione perpetrata a Roma dai nazisti. L’anno dopo le Poste Italiane pregarono Eva di rappresentare, 50 anni dopo, alcuni degli eventi

    ...
  • Il Nemico. La Coalizione Hitleriana La Repubblica Sociale Italiana

    Il gen. Massimo Coltrinari ripropone l'articolo che segue, al fine di iniziare il dibattito in merito alla guerra di liberazione, una guerra su cinque fronti ed un nemici.
     
     
     
    Ogni Paese invaso ed
    ...
  • Settantuno anni dopo

    Nella notte tra il 5 e il 6 luglio 1944, entrando i partigiani da porta Borgo e le truppe polacche da Porta Vaccaro,  Osimo riabbracciava la libertà,  ma non la pace, dopo un ventennio di dittatura e dieci mesi di occupazione tedesca.

    Quella notte di sangue non era, di fatto,  la fine della guerra ma solo un passaggio verso la fine della tragedia immane che colpì la città.  Un epilogo che si compirà solo il 18 luglio successivo dopo che i

    ...