Cervi

 

 

 

"No pasarán!": il tributo all'antifascismo sulle maglie inglesi

 

 

La divisa da gioco per la trasferta del Clapton, club amatoriale inglese nato due mesi fa, è stata ideata da un marchio italiano: è un omaggio alle Brigate Internazionali in cui combatterono anche Orwell e Hemingway

 

¡No pasarán!. Un motto antifascista passato alla storia e da pochi giorni è anche sui campi di calcio. Il Clapton Cfc, squadra inglese di livello 9 nella struttura della federcalcio inglese (più o meno i nostri amatori) e fondata solo due mesi fa, ha voluto incidere questa frase sulla propria maglia per la trasferta. Non è l’unico riferimento storico: sulla maglietta campeggiano i colori della bandiera della seconda repubblica spagnola e la stella a tre punte che ha contraddistinto il Frente Popular e le Brigate Internazionali, che 80 anni fa combatterono insieme a volontari provenienti da tutto il mondo (tra loro George Orwell, Ernest Hemingway e Carlo Rosselli) la guerra civile di Spagna contro i falangisti di Francisco Franco.

Il club inglese aveva in mente un omaggio per l’ottantesimo anniversario della guerra civile, e ha realizzato il tutto affidandosi ad uno sponsor tecnico italiano: la Rage Sports, che in Italia veste anche la Afronapoli United, club di Promozione che schiera calciatori migranti.

 

La divise da gioco in Spagna sono diventate viralI, e in poco tempo le magliette (circa 250) sono andate praticamente a ruba visto che sono arrivati oltre 5.000 ordini, tanto da “costringere” la squadra inglese ad alcune scuse per la mancanza di fornitura ed è in fase di organizzazione di un piano per “distribuire a tutti la propria maglietta”. Ma non è finita: il club è in contatto con l’associazione che commemora i volontari britannici e irlandesi, per far sì che la cifra guadagnata con le maglie possa essere impiegata in qualche attività per ricordare i loro compatrioti. ¡Suerte, Clapton!

 

Filtro
  • Vicini a Sandro

    Appresa la notizia delle minacce subite dal nostro compagno Sandro Ruotolo a seguito di un servizio giornalistico sulla Terra dei Fuochi,  l'ANPI di Osimo esprime al medesimo la propria solidarietà. Grazie a giornalisti "con la schiena dritta" come Sandro , possiamo parlare della libertà d'espressione come di un fatto compiuto in questo Paese  L'ANPI di Osimo condanna e sempre si opporra' ad ogni tentativo di  sovversione dei principi liberali e democratici,  da  qualsiasi parte essi

    ...
  • Vigilia di battaglia. Una risposta non data.

    Nel diario di Giuseppe Olivo, che il 18 luglio sarà ferito gravemente, alla data del 17 luglio si coglie tutta l’attesa degli avvenimenti.

    Dalle informazioni che abbiamo avuto dai paracadutisti della Nembo avremo dei combattimenti

    ...
  • Resistenza e Corpo Italiano di Liberazione:

    Al di là di ogni considerazione locale, non si deve dimenticare che le formazioni partigiane avevano un armamento leggero, fucili, pistole e qualche mitragliatrice, con munizionamento scarso. Inoltre il numero era esiguo, sull’ordine delle decine di unità. Se queste formazioni fossero state impiegate contro unita o reparti di prima linea, in gradi non solo di reggere il fuoco, ma di potenziarlo e di manovrare, con una organizzazione di comando e

    ...
  • Da Tommasi, attraverso Baldelli, a Corradi:

    La terza forza che si presenta come attrice principale nella liberazione di Ancona, qui deve essere, seppur a grandi linee, non solo citata ma studiata nelle sue reali dimensioni dal punto di vista strettamente militare è quella partigiana. Qui non si mette in discussione il ruolo politico e di rottura e di volontà del popolo italiano di

    ...