Cervi

 

 

 

"No pasarán!": il tributo all'antifascismo sulle maglie inglesi

 

 

La divisa da gioco per la trasferta del Clapton, club amatoriale inglese nato due mesi fa, è stata ideata da un marchio italiano: è un omaggio alle Brigate Internazionali in cui combatterono anche Orwell e Hemingway

 

¡No pasarán!. Un motto antifascista passato alla storia e da pochi giorni è anche sui campi di calcio. Il Clapton Cfc, squadra inglese di livello 9 nella struttura della federcalcio inglese (più o meno i nostri amatori) e fondata solo due mesi fa, ha voluto incidere questa frase sulla propria maglia per la trasferta. Non è l’unico riferimento storico: sulla maglietta campeggiano i colori della bandiera della seconda repubblica spagnola e la stella a tre punte che ha contraddistinto il Frente Popular e le Brigate Internazionali, che 80 anni fa combatterono insieme a volontari provenienti da tutto il mondo (tra loro George Orwell, Ernest Hemingway e Carlo Rosselli) la guerra civile di Spagna contro i falangisti di Francisco Franco.

Il club inglese aveva in mente un omaggio per l’ottantesimo anniversario della guerra civile, e ha realizzato il tutto affidandosi ad uno sponsor tecnico italiano: la Rage Sports, che in Italia veste anche la Afronapoli United, club di Promozione che schiera calciatori migranti.

 

La divise da gioco in Spagna sono diventate viralI, e in poco tempo le magliette (circa 250) sono andate praticamente a ruba visto che sono arrivati oltre 5.000 ordini, tanto da “costringere” la squadra inglese ad alcune scuse per la mancanza di fornitura ed è in fase di organizzazione di un piano per “distribuire a tutti la propria maglietta”. Ma non è finita: il club è in contatto con l’associazione che commemora i volontari britannici e irlandesi, per far sì che la cifra guadagnata con le maglie possa essere impiegata in qualche attività per ricordare i loro compatrioti. ¡Suerte, Clapton!

 

Filtro
  • Il Premio Nazionale Fabrizi ad una svolta

    L'ultimo direttivo della sezione di Osimo, dopo un'anno di attesa dovuta a eventi concomitanti, ha stabilito di tentare di far ripartire il premio nazionale dell'ANPI Osimo che ha portato ad Osimo emeriti di primissimo piano e prima manifestazione osimano a ricevere il patrocinio della Presidenza della Camera dei Deputati. 

    Il direttivo non nasconde la difficoltà della cosa. Riprendere il filo del discorso interrotto è cosa più difficile di un inizio perché le attese che si

    ...
  • Legge elettorale e riforma del Senato: era (ed è) una questione democratica

    Sabato 21 febbraio, a Torino, iniziativa pubblica promossa dall'ANPI Nazionale.

    Una legge elettorale che consente di formare una Camera con quasi i due terzi di “nominati”, non restituisce la parola ai cittadini, né garantisce la rappresentanza piena cui hanno diritto per norme

    ...
  • Giornata del Ricordo. Le foibe e l'esodo: storie di confine e di violenza

    Il 10 febbraio giunge appena dopo il 27 gennaio, Giorno della Memoria. 

    Entrambe le ricorrenze, hanno come comune denominatore vittime inermi, vite spazzate, per via della loro appartenenza razziale, della loro fede o del loro libero pensiero; vite esiliate con violenza dai luoghi patrii.
    Le proporzioni sono siderali tra le due vicende, pure l’origine del persecutore è opposta, ma si tratta pur sempre di storie di uomini e di donne su cui l’Italia fonda la propria storia

    ...
  • È morto a Roma il partigiano Massimo Rendina

    È morto a Roma il partigiano Massimo Rendina. Aveva 95 anni. Era vice presidente dell’Anpi nazionale.

    Così lo ricorda Carlo Smuraglia, presidente nazionale ANPI: La notizia della morte di Massimo Rendina, valoroso partigiano e vice presidente nazionale dell'Anpi, ci ha addolorati e sconvolti. Perdiamo

    ...
  • Appello dell'ANPI

    Appello Anpi su Senato e legge elettorale ai parlamentari, ai partiti, ai cittadini. Non riforma, ma strappo alla democrazia.

    16 gennaio 2015

    Questo appello in difesa della democrazia verrà inviato agli organi di stampa, a tutti i parlamentari e ad esponenti dei gruppi e dei partiti. Verrà inoltre diffuso, a cura delle organizzazioni periferiche dell’ANPI - e auspicabilmente di qualunque associazione vi abbia interesse - alla più larga sfera di cittadini, ai fini di una

    ...
  • Mattarella. Là dove è nata la Repubblica

    Non ci stupisce affatto che il nuovo Presidente degli italiani giri in Panda.  Non ci stupisce neanche che abbia scelto come primo gesto la visita alle Fosse Ardeatine.  Chi ha avuto sempre la schiena dritta, la forza di dire no davanti ad una forzatura politica e di assumersene la responsabilità, come nel caso della legge Mammì, chi ha grandi capacità di comprendere le idee e i tempi, come nel caso della legge elettorale e della fine della leva obbligatoria, non può che avere come

    ...