Cervi

 

 

 

Una ricerca ArciServizioCivile fotografa il rapporto delle nuove generazioni col passato. Tra lacune e ignoranza.   

 

E la maggioranza non sa neppure se i nonni fossero partigiani o repubblichini.   Italiani brava gente: nonostante tutto, nonostante le leggi razziali, le deportazioni.   Non era colpa loro, hanno deciso gli altri, ha imposto tutto Hitler. leggi e lager. 

 

E' questa l'immagine che del passato hanno i giovani del nostro Paese . Non conoscono le pagine più buie della nostra storia politica, le reali responsabilità: la metà è infatti convinta che le leggi razziali le abbia volute solo Hitler, ignara del manifesto per la razza firmato da scienziati e politici, dei decreti approvati. Le nuove generazioni a casa sentono parlare poco o nulla della Resistenza o della guerra, tanto che non sanno neppure dire da che parte siano stati i loro nonni, se repubblichini o partigiani.

 


A raccontare la visione distorta e piena di vuoti storici che ci assolve, una ricerca ArciServizioCivile che ha promosso “La Memoria come strumento di educazione alla pace”, progetto di servizio civile nel quale hanno operato più ragazzi in città differenti, intervistando un migliaio di  giovani fino a 25 anni.

 

Dal punto di vista nozionistico, la maggior parte degli intervistati dimostra una buona conoscenza di base dei dati storici relativi alla Seconda Guerra Mondiale. Il 41% di questi colloca tra 30.000 e 50.000 il numero totale di deportati dall’Italia, il 31% ritiene siano stati più di 100.000 e il 23% tra le 5.000 e le 10.000 persone. Di seguito, una media del 71% sa che fra i deportati vi furono anche omosessuali, portatori di handicap, prigionieri politici, sinti e rom.

Peccato che sulle responsabilità le cose si facciano molto più confuse e assolutorie.

Il 52 % è convinto  che le leggi razziali le abbia imposte Hitler e il restante che le abbia decise Mussolini. Ignorando quanti nel Paese ne hanno approfittato, dalle università ai posti pubblici prendendo le cariche degli ebrei cacciati.

Sull'importanza della memoria, tutti d'accordo. Alla domanda: “Secondo te, a 70 anni di distanza, è importante parlare di cosa siano stati il nazismo e il fascismo e ricordare le loro vittime?” la somma delle risposte “Sì perché è giusto ricordare le vittime innocenti della guerra” e “Sì, perché è un importante antidoto contro il razzismo e serve a comprendere dove può arrivare una dittatura” raggiunge il 95%.

E forse anche per questo il 73% degli intervistati pensa che il nostro Paese non abbia ancora fatto i conti col proprio passato storico. Se leggiamo questo dato, assieme a quello sulla partecipazione agli eventi pubblici riferendoci in particolare al 25 Aprile, emerge chiaramente il problema di percezione e valutazione storica sulla memoria della Resistenza.
Anche per la scarsa comunicazione che c’è sul tema della Resistenza nelle famiglie.
Infatti dalla domanda n.18 ,“Nella tua famiglia, considerando nonni, bisnonni, zii, cugini, prozii viventi e non (se li conosci), ci sono persone che durante la Seconda Guerra Mondiale hanno partecipato alla Resistenza?” emerge che il 30% degli intervistati non sa se nella propria famiglia ci sono persone che hanno partecipato alla Resistenza e il 36% non sa se ci sono stati familiari che hanno fatto parte della RSI.

Dati che sono in linea con la domanda n. 25: “Dove hai discusso di Resistenza e Shoah?” nella quale emerge che nel 33% delle famiglie degli intervistati non si parla di questi temi. Men che mai nelle deportazioni.

 

Filtro
  • L’Italia delle paure

    In questi giorni, a seguito di alcuni drammatici avvenimenti di cronaca, si sta facendo ogni sforzo per far emergere, a tutti i costi, l’Italia della paura.
    Non occorre soffermarsi sulla “paura” nei confronti dei migranti, su cui ci siamo intrattenuti più volte (paura che ci ”rubino” posti di lavoro, paura che rappresentino un’insidia per la sicurezza nostra e delle nostre case, paura più o meno consapevole, di
    ...
  • Convegno nazionale ANPI a Torino

    Carissime e carissimi,

     vi trasmetto la locandina del Convegno nazionale che terremo a Torino il 14 novembre prossimo.

     Desidero segnalarvi la straordinaria importanza di questo Convegno, nato da un’idea del Coordinamento donne dell’ANPI e realizzato col fattivo apporto del medesimo, oltreché di tutte le strutture dell’ANPI nazionale e del Piemonte.

    Il tema trattato è dei più suggestivi, storicamente e

    ...
  • 4 novembre

    CONFEDERAZIONE ITALIANA FRA LE ASSOCIAZIONI COMBATTENTISTICHE E PARTIGIANE
     
    I V N O V E M B R E
    GIORNATA DELLE FORZE ARMATE FESTA DELL’UNITÁ NAZIONALE
     
    I Combattenti, Decorati al Valor Militare, Congiunti dei Caduti, Mutilati ed Invalidi di Guerra, Protagonisti della Guerra di
    ...
  • L'gnobile insulto alle vittime del Fascismo

    Vogliamo informarvi sul procedimento in atto relativo al processo nei confronti del Sindaco di Affile per l'edificazione di un mausoleo dedicato a Rodolfo Graziani usufruendo di fondi pubblici regionali.
     
    Questo vuole essere un appello nei Vostri confronti affinché Vi mobilitiate insieme a noi tutti per tali accadimenti, che minano la democrazia conquistata dai vari Movimenti Partigiani e ne offendono
    ...
  • Il Senato come un trofeo?

    Nel pomeriggio di oggi, martedì 13 ottobre, dovrebbe esserci il voto finale sul disegno di legge di “Riforma del Senato”.

    E penso che ci sarà senz’altro, perché ormai i numeri ci sono, essendo venuta meno la dissidenza all’interno del PD ed essendoci comunque il benevolo aiuto dei verdiniani. Un altro “trofeo” per il

    ...
  • Protocollo d'intesa ANPI-AUSER

    E’ stata raggiunta un’intesa tra l’ANPI e l’AUSER (Associazione per l’invecchiamento attivo) per una fattiva collaborazione in tema culturale, sociale, formativo, con particolare attenzione anche al volontariato. Il protocollo di intesa (sottoscritto per l’ANPI dal Presidente Smuraglia e per l’AUSER dal Presidente, Vincenzo Costa) è di particolare interesse in un momento in cui occorre un grande impegno per la partecipazione e per la formazione ed informazione dei cittadini. L’AUSER ha

    ...
  • Odg ANPI

    Nella gloriosa Associazione “Salviamo la Costituzione: aggiornarla non demolirla”, che tanti meriti ha acquisito, soprattutto in occasione del Referendum del 2006 in cui, sotto la prestigiosa guida del Presidente Scalfaro, fu protagonista della battaglia vincente, contro lo stravolgimento della Costituzione che si stava preparando, è in corso da alcuni mesi una discussione sul ruolo dell’Associazione stessa, con specifico riferimento alla riforma Costituzionale in atto ed alla Legge

    ...
  • ANPI. OdG 28 settembre: le riforme costituzionali

    Approvato Ordine del giorno del Presidente Smuraglia nella riunione del 22 settembre dei soci dell’Associazione “Salviamo la Costituzione: aggiornarla non demolirla”

    Nella gloriosa Associazione “Salviamo la Costituzione: aggiornarla non demolirla”, che tanti meriti ha acquisito, soprattutto in occasione del Referendum del 2006 in cui, sotto la prestigiosa guida del Presidente Scalfaro, fu protagonista della battaglia vincente, contro lo stravolgimento della Costituzione che si

    ...
  • Riforme costituzionali

    Nel ribadire la condivisione piena dell’Appello dell’ANPI Nazionale del 16 gennaio 2015  “Riforme: era (ed è) una questione democratica” e successive prese di posizione pubblicate su ANPI News, oggi diventa necessario e urgente una forte e decisa mobilitazione  finalizzata a far conoscere la natura antidemocratica delle cosiddette riforme renziane.

    Si chiede ai senatori e ai deputati della Repubblica, alle massime cariche dello

    ...