Cervi
Filtro
  • 70° della Liberazione della Città di Osimo

    Nel 70° della Liberazione della città di Osimo grazie all'opera del "gruppo Riccio", del "GAP Fabrizi" e del "GAP Stacciotti" della 5.a div. Garibaldi Marche Brg. Basso Musone, ai Caduti delle truppe militari polacche ed inglesi,  del Corpo Italiano di Liberazione e del "Majella", nel ricordo degli osimani morti, degli antifascisti caduti e partigiani caduti nelle montagne italiane e straniere, dei volontari combattenti, perché le libertà fondamentali fossero

    ...
  • Dopo 70 anni si contano le vittime civile del passaggio del fronte a Osimo: sono 114

    Dopo settanta anni per la prima volta c'è un conto, anche se non definitivo, delle vittime civile cadute al passaggio del fronte di guerra a Osimo tra il 1 luglio e il diciotto dello stesso mese del 1944, periodo questo teatro di una vicenda bellica cruenta seconda solo a Montecassino per quanto ha scrisse il generale comandante polacco Gen. Anders che visse entrambe le note vicende storiche.

    Massimo Morroni,

    ...
  • La prima donna Presidente del Consiglio comunale rende omaggio ai Caduti e alla popolazione di Casette di Rinaldo

    Con una semplice cerimonia la Presidente del Consiglio Paola Andreoni e il Presidente della sezione di Osimo e coordinatore della Bassa Val Musone dell’ANPI Armando Duranti hanno reso omaggio ai partigiani Augusto Pallotta, Marcello Espinosa e al patriota Carlo Polverini  uccisi dai tedeschi.

    Unitamente a questo ricordo è stata commemorata la rappresaglia nazifascista, avvenuta il 24 giugno 1944, sulla popolazione di Casette di Rinaldo cui furono distrutte le povere abitazioni,

    ...
  • 24 giugno 1944- 24 giugno 2014. 70° delle Casette di Rinaldo

    70° dei caduti e della rappresaglia di Casette di Rinaldo

    Sono settanta anni da quell’episodio in cui persero la vita tre osimani e altri persero ogni avere.

    Quel 22 luglio era un giovedì che, nonostante non si udissero ancora le cannonate del fronte che stava avanzando in direzione della città, per quei tremendi diciotto giorni di terrore e di morte, gli osimani si barcamenavano ancora nel mercato di piazza, una tradizione secolare che continuava nonostante

    ...